UTILIZZO DEI COOKIES

Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare, questo Sito fa uso di cookies.

Pertanto, quando si visita il Sito, viene inserita una quantità minima di informazioni nel dispositivo dell'Utente, come piccoli file di testo chiamati "cookie", che vengono salvati nella directory del browser Web dell'Utente.

Esistono diversi tipi di cookie, ma sostanzialmente lo scopo principale di un cookie è quello di far funzionare più efficacemente il Sito e di abilitarne determinate funzionalità.

Questo sito non fa uso di cookies per scopi pubblicitari o di profilazione dell'utenza, bensì utilizza soltanto cookies di tipo tecnico.

I cookie tecnici sono utilizzati per migliorare la navigazione globale dell'Utente. In particolare:

  • misurano l'utilizzo dei servizi da parte degli Utenti, per ottimizzare l'esperienza di navigazione e i servizi stessi;
  • sono necessari per il corretto funzionamento di alcune aree del sito;
  • comprendono sia cookie persistenti che cookie di sessione.

In assenza di tali cookie, il sito o alcune porzioni di esso potrebbero non funzionare correttamente. Pertanto, vengono sempre utilizzati, indipendentemente dalle preferenze dall'utente. I cookie tecnici vengono sempre inviati dal dominio.

Il Titolare non è tenuto a richiedere il consenso dell'utente per i cookie tecnici, poiché questi sono strettamente necessari per la fornitura del servizio.

Argomento:     

03.07.2012 - Intolleranza al glutine e sensibilità al glutine sono disturbi totalmente diversi

L'intolleranza al glutine e la sensibilità al glutine (Gluten Sensitivity) sono due cose diverse.

Lo affermano il prof. Alessio Fasano e gli altri scienziati dell'University of Maryland School of Medicine's Center for Celiac Reserch (lo stesso centro che nel 2000 ha sviluppato lo specifico test del sangue per identificare la celiachia).

La ricerca è stata pubblicata il 14 marzo 2011 su BMC Medicine.

ImmagineLa Gluten Sensitivity (GS) e la celiachia sono parti di una gamma di disordini legati al glutine in cui "ad un estremo" - spiega il prof. Fasano - "ci sono i celiaci e all'altro, ci sono le persone che possono mangiare pizza, birra, pasta e biscotti. Al centro, c'è questa indistinta area di reazioni al glutine note come sensibilità al glutine".

La GS non è associata ai gravi effetti della celiachia anche se alcuni dei suoi sintomi possono essere simili. Le persone sensibili al glutine presentano, infatti, uno o più dei seguenti disturbi:

  • gastrointestinali (meteorismo, dolori addominali, diarrea o stipsi o alvo alterno);
  • extraintestinali (sonnolenza, difficoltà di concentrazione, annebbiamento mentale, cefalea, artromialgie, parestesie degli arti, rash cutanei tipo eczema, depressione, anemia, stanchezza cronica ed altri ancora).

Come si è detto, le persone affette da GS reagiscono manifestando alcuni sintomi comuni nei celiaci, ma a differenza di questi ultimi:

  • gli esami del sangue per la celiachia sono negativi;
  • non si riscontrano i tipici danni all'intestino tenue.

L'unica alterazione immunologica che è possibile individuare nei pazienti con sensibilità al glutine è la positività per anticorpi antigliadina di prima generazione (positivi nel 40-50% dei pazienti GS).

È stato, inoltre, dimostrato che un sottogruppo di pazienti schizofrenici e bambini con autismo può essere affetto da sensibilità al glutine.

Secondo le stime della ricerca condotta dal Center for Celiac Research il 6% della popolazione USA, cioè circa 18 milioni di persone, è affetto da GS.

Fonte: http://www.tempista.it/forum/post.asp?id_discussione=31