UTILIZZO DEI COOKIES

Facciamo uso di Google Analytics per monitorare il numero delle visite al nostro sito ed il comportamento dei visitatori durante la navigazione.

Per garantire la tua privacy, utilizziamo l’anonimizzazione del tuo indirizzo IP, la creazione di uno UserID variabile ed impediamo che Analytics salvi dei cookie all’interno del tuo browser.

Nessuna pagina dei nostri siti nella quale vengano richiesti i tuoi dati personali viene fatta scandagliare da Google Analytics.

Nessun altro prodotto di Google è collegato ai dati raccolti da Analytics.

All’interno del nostro sito non facciamo uso di nessun altro strumento di terzi che potrebbe profilare i visitatori, e non incorporiamo alcun legame con i social network.

Utilizziamo un singolo cookie al solo scopo di non presentarti ogni volta l’informativa sull’uso dei cookie.

Argomento:     

07.05.2012 - Omotossicologia: cosa sono le omotossine?

Nell’ambiente in cui viviamo e persino nel nostro corpo (ammoniaca, co2, acidi organici, ecc.) sono presenti numerose omotossine. Nei libri di tossicologia sono descritte oltre 100.000 sostanze e ogni giorno ne vengono aggiunte di nuove. Alcune di esse sono ovvie e ben note, altre possono essere meno conosciute o persino diventare tossiche in determinate circostanze. Sebbene si tratti di una materia complessa è necessario conoscere tutti i vari tipi di omotossine per finalizzare un protocollo medico che offra maggiori possibilità di successo terapeutico.

Immagine

Un'omotossina è una qualsiasi sostanza che esercita un effetto dannoso diretto o indiretto sull’organismo umano. Non è quindi importante la sostanza in sé, ma il suo effetto sull’organismo.

Il nostro tempo è caratterizzato da un ambiente fortemente industriale: inquinamento chimico, elettromagnetico, acustico, polveri sottili, stress psicologico: l’avvelenamento fisico-chimico troverà un'infinità di fattori potenzianti per creare tossicità nel corpo umano. Non è facile, quindi, sfuggire a un sovraccarico omotossicologico nei paesi fortemente industrializzati poiché questi fattori sono diventati parte integrante della vita quotidiana a causa dello stile di vita proposto come modello e seguito dalla massa.

I metalli pesanti, i campi eletromagnetici, l'alimentazione industriale (eccessivamente additivata ed artefatta), le sostanze chimiche usate per l'agricoltura, gli pseudoestrogeni alimentari, le nanoparticelle, i farmaci di sintesi, ecc. rappresentano ormai un problema che riguarda tutti e che portano al cosiddetto sovraccarico omotossicologico.

IAH - Interanational Academy of Homotoxicology

Fonte: http://www.iah-online.com/cms/iwebs/default.aspx