UTILIZZO DEI COOKIES

Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare, questo Sito fa uso di cookies.

Pertanto, quando si visita il Sito, viene inserita una quantità minima di informazioni nel dispositivo dell'Utente, come piccoli file di testo chiamati "cookie", che vengono salvati nella directory del browser Web dell'Utente.

Esistono diversi tipi di cookie, ma sostanzialmente lo scopo principale di un cookie è quello di far funzionare più efficacemente il Sito e di abilitarne determinate funzionalità.

Questo sito non fa uso di cookies per scopi pubblicitari o di profilazione dell'utenza, bensì utilizza soltanto cookies di tipo tecnico.

I cookie tecnici sono utilizzati per migliorare la navigazione globale dell'Utente. In particolare:

  • misurano l'utilizzo dei servizi da parte degli Utenti, per ottimizzare l'esperienza di navigazione e i servizi stessi;
  • sono necessari per il corretto funzionamento di alcune aree del sito;
  • comprendono sia cookie persistenti che cookie di sessione.

In assenza di tali cookie, il sito o alcune porzioni di esso potrebbero non funzionare correttamente. Pertanto, vengono sempre utilizzati, indipendentemente dalle preferenze dall'utente. I cookie tecnici vengono sempre inviati dal dominio.

Il Titolare non è tenuto a richiedere il consenso dell'utente per i cookie tecnici, poiché questi sono strettamente necessari per la fornitura del servizio.

Argomento:     

18.12.2015 - Il significato psicosomatico delle malattie

Immagine E' ormai un concetto acquisito, ritenere che le malattie organiche possano essere direttamente collegate alle emozioni. Questa duplice interazione tra corpo ed emozione viene definita "psicosomatizzazione".

Il processo di psicosomatizzazione corrisponde a una reazione anomala e si constata solo quando un'emozione identica viene vissuta frequentemente e lo stesso messaggio viene inviato altrettanto frequentemente nello stesso punto. Si crea allora uno squilibrio delle energie a livello dell'organo che lo riceve e ciò lo indebolisce. Si può affermare che è proprio la combinazione tra questo squilibrio di energie e il relativo indebolimento che permette alla malattia di installarsi e di diventare reale, poiché viene a mancare la possibilità di resistere alle aggressioni dei fattori patogeni.

In sostanza, diciamo che, nei casi normali, lo stimolo specifico seguito da un messaggio specifico deve provocare una reazione specifica e condurre il soggetto a esprimere agli altri la frustrazione o la soddisfazione.

Quando la stessa emozione è vissuta frequentemente e il soggetto non è in grado di reagire e di esprimere ciò che prova, sia verbalmente che attraverso i gesti, inizia il fenomeno della psicosomatizzazione.

In questo caso, si verifica un carico emotivo negativo che non viene eliminato. Esso rimane allora profondamente inserito nel punto dove è stato inviato, cioè in un organo ricettore, al momento dell'emissione del messaggio. Lo squilibrio organico così creato fa sì che il terreno (organo o parte del corpo) divenga favorevole all'instaurarsi della malattia.

Ecco qualche esempio.

Acne

Elementi somatici: questa affezione, dovuta principalmente a un cattivo funzionamento delle ghiandole sebacee, si caratterizza per l'eruzione di piccole pustole sul viso, sulle spalle, sulla schiena e sul torace. Il disturbo, quando è morboso, assume spesso un'importanza rilevante durante l'adolescenza, ma può persistere anche in età più avanzata.

Elementi psicologici: le persone che ne soffrono hanno generalmente una percezione molto autocritica e spesso godono di scarsa autostima. Hanno difficoltà ad accettarsi per quello che sono. Nei casi più pronunciati, la stima e l'amore verso se stessi sono praticamente assenti.

Eczema

Elementi somatici: gli eczemi rappresentano il quinto delle dermatosi. Esiste una grande varietà di eczemi, ma essi si caratterizzano sempre per dei rossori e delle piccole vescichette cutanee che segnano la pelle.

Elementi psicologici: questa affezioni cutanee si riscontrano molto frequentemente in soggetti che soffrono di ipersensibilità. Vivono permanentemente una sensazione di ferita che turba la loro personalità nel più profondo della loro anima. Regnano in loro furiosi antagonismi di ordine mentale.

Ipercolesterolomia

Elementi somatici: si definisce, dal punto di vista medico, come l'aumento del tasso di colesterolo nel sangue. Questa disfunzione è alla base di molti disturbi della salute. Facciamo presente che non è anormale avere il colesterolo, ciò che è anormale è averne troppo. Il processo viene accentuato da una alimentazione troppo ricca.

Elementi psicologici: il fenomeno, detto "dei tempi moderni", è spesso tipico di persone che vivono nello stress e che soffrono nell'accettare spontaneamente l'allegria nella loro vita. È come se avessero paura di vivere gioiosamente.

Miopia

Elementi somatici: è un'anomalia del funzionamento dell'occhio che fa sì che l'immagine si formi davanti alla retina.

Elementi psicologici: una persona miope manca, generalmente, di ordine nella percezione interiore della verità. Ha paura del futuro.

Otite

Elementi somatici: è un'infiammazione dolorosa (otalgia) dell'orecchio medio (timpano). L'infiammazione dell'orecchio interno corrisponde invece alla labirintite.

Elementi psicologici: vi è, per il soggetto, un rifiuto temporaneo di comunicare e di ricevere il messaggio degli altri. Il soggetto è ribelle in rapporto a una situazione o a una persona e non riesce a calmarsi.

Seborrea

Elementi somatici: è un aumento o ipersecrezione del sebo (prodotto di secrezione delle ghiandole sebacee). La seborrea è spesso complicata dalla caduta dei capelli (alopecia) o da malattie della pelle (acne, eczema, ecc.).

Elementi psicologici: si riscontra principalmente questo fenomeno in persone che tendono a essere immature sul piano affettivo. Esse soffrono nel prendere il loro posto, perché non si sentono "corrette".

Gérard Charpentier - Le malattie e le loro emozioni

Fonte: http://www.edizionilpuntodincontro.it/psiche/6138-le-malattie-e-le-loro-emozioni-9788880933434.html