UTILIZZO DEI COOKIES

Facciamo uso di Google Analytics per monitorare il numero delle visite al nostro sito ed il comportamento dei visitatori durante la navigazione.

Per garantire la tua privacy, utilizziamo l’anonimizzazione del tuo indirizzo IP, la creazione di uno UserID variabile ed impediamo che Analytics salvi dei cookie all’interno del tuo browser.

Nessuna pagina dei nostri siti nella quale vengano richiesti i tuoi dati personali viene fatta scandagliare da Google Analytics.

Nessun altro prodotto di Google è collegato ai dati raccolti da Analytics.

All’interno del nostro sito non facciamo uso di nessun altro strumento di terzi che potrebbe profilare i visitatori, e non incorporiamo alcun legame con i social network.

Utilizziamo un singolo cookie al solo scopo di non presentarti ogni volta l’informativa sull’uso dei cookie.

Argomento:     

17.03.2015 - Omepatia al Bivio: il dossier completo

ImmagineAll'Ospedale di Pitigliano, in provincia di Grosseto, è attivo da quattro anni il Centro di Medicina Integrata, diretto dalla dott.ssa Simonetta Bernardini; a Roma, all'Ospedale San Pietro Fatebenefratelli, è attivo un ambulatorio di Medicina Integrata (antiaging, omeopatia e agopuntura) diretto dal dott. Osvaldo Sponzilli.

L'ulteriore novità è rappresentata senza dubbio dall'ambulatorio che è stato attivato alcuni mesi fa all'Ospedale Sacco di Milano e che prescrive rimedi omeopatici ai malati di cancro per alleviare gli effetti collaterali di chemio e radioterapia.

«Il movimento della medicina integrata è ormai un fenomeno culturale di dimensione mondiale» spiega la dott.ssa Bernardini. «Basti pensare, solo per fare un esempio, alla recentissima modifica della sigla dell'undicesimo Dipartimento statale americano per la salute, che da NCCAM, National Center for Complementary and Alternative Medicine, è diventato NCCIH, National Center for Complementary and Integrative Health: è sparita la parola "alternativo" per far spazio alla parola "integrato". Oggi, in tutto il mondo, sono sempre di più i medici che integrano nella loro pratica clinica strumenti di cura definiti in passato alternativi o non convenzionali». Non mancano però i professionisti che intravedono qualche rischio nell'impostazione del processo di integrazione delle medicine così come è stato finora portato avanti. «Il rischio è che l'omeopatia e le terapie non convenzionali siano inglobate dal sistema per essere relegate nell'angolino dei gregari, dove stanno i rimedi per alleviare il mal di gola, la nausea, la dermatite e poco altro. O per essere magari additate e messe all'angolo come i palliativi dall'effetto placebo» interviene il dottor Massimo Mangialavori, omeopata, già membro del direttivo Fiamo (Federazione italiana associazioni e medici omeopati) e fondatore di Ulmus, Associazione per la ricerca e lo studio della medicina omeopatica.

SCARICA IL DOSSIER COMPLETO