UTILIZZO DEI COOKIES

Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare, questo Sito fa uso di cookies.

Pertanto, quando si visita il Sito, viene inserita una quantità minima di informazioni nel dispositivo dell'Utente, come piccoli file di testo chiamati "cookie", che vengono salvati nella directory del browser Web dell'Utente.

Esistono diversi tipi di cookie, ma sostanzialmente lo scopo principale di un cookie è quello di far funzionare più efficacemente il Sito e di abilitarne determinate funzionalità.

Questo sito non fa uso di cookies per scopi pubblicitari o di profilazione dell'utenza, bensì utilizza soltanto cookies di tipo tecnico.

I cookie tecnici sono utilizzati per migliorare la navigazione globale dell'Utente. In particolare:

  • misurano l'utilizzo dei servizi da parte degli Utenti, per ottimizzare l'esperienza di navigazione e i servizi stessi;
  • sono necessari per il corretto funzionamento di alcune aree del sito;
  • comprendono sia cookie persistenti che cookie di sessione.

In assenza di tali cookie, il sito o alcune porzioni di esso potrebbero non funzionare correttamente. Pertanto, vengono sempre utilizzati, indipendentemente dalle preferenze dall'utente. I cookie tecnici vengono sempre inviati dal dominio.

Il Titolare non è tenuto a richiedere il consenso dell'utente per i cookie tecnici, poiché questi sono strettamente necessari per la fornitura del servizio.

Argomento:     

16.09.2014 - Le possibilità terapeutiche della Neuralterapia contro i dolori

La neuralterapia è una metodica terapeutica che ricerca i campi di disturbo, zone del nostro organismo che possono provocare un sintomo, una malattia o un’alterazione metabolica. Queste sono: cicatrici, denti, tonsille e seni nasali, plesso sacrale, tiroide, corpi estranei e linee di frattura. Un sintomo cronico o recidivante che si ripresenta ad intervalli regolari di giorni settimane o mesi può essere alimentato da un campo di disturbo.

Le possibilità della neuralterapia sono infinite. Dobbiamo solo saperle cogliere, anche se non sempre è facile individuare il campo di disturbo. Il paziente deve ricordare quando è iniziata una patologia, ma soprattutto cosa è successo prima.

A volte le cicatrici da intervento chirurgico come quelle dell’ernia del disco o dell’ernia inguinale possono creare campo di disturbo nella zona operata e simulare il dolore che il paziente aveva prima. Il risultato, dopo una visita del chirurgo, è la proposta di un nuovo intervento.

È sufficiente infiltrare la cicatrice con una miscela di rimedi omeopatici e soluzione fisiologica per annullare il dolore e ripristinare il giusto equilibrio energetico.

La neuralterapia funziona non solo in modo diretto, ma anche indiretto; infatti, altre possibilità sono quelle per la zona genitale nella donna con mestruazioni dolorose accompagnate da cefalea o dolori lombari durante il ciclo, o per la prostata che può alterare non solo la minzione, ma anche provocare alterazioni a livello circolatorio degli arti inferiori.

Le allergie respiratorie e cutanee come l’asma, la rinite allergica, l’orticaria e gli eczemi sono guariti da infiltrazioni sulla mucosa anteriore alle tonsille e sui seni paranasali. Questi sono campi di disturbo nascosti, nel senso che non danno sinusiti o tonsilliti, ma provocano allergie insensibili a tutte le terapie antistaminiche, cortisoniche o ai cicli di vaccini desensibilizzanti.

La spiegazione è che non sono gli allergeni a provocare le allergie, ma l’attivazione di uno o più campi di disturbo che alterano il giusto equilibrio energetico. L’allergene è solo lo scatenante ultimo, ma l’allergia è qualcosa di sregolato all’interno del nostro organismo. Se così non fosse, tutti noi, respirando i pollini, avremmo un attacco di rinite o asma.