UTILIZZO DEI COOKIES

Facciamo uso di Google Analytics per monitorare il numero delle visite al nostro sito ed il comportamento dei visitatori durante la navigazione.

Per garantire la tua privacy, utilizziamo l’anonimizzazione del tuo indirizzo IP, la creazione di uno UserID variabile ed impediamo che Analytics salvi dei cookie all’interno del tuo browser.

Nessuna pagina dei nostri siti nella quale vengano richiesti i tuoi dati personali viene fatta scandagliare da Google Analytics.

Nessun altro prodotto di Google è collegato ai dati raccolti da Analytics.

All’interno del nostro sito non facciamo uso di nessun altro strumento di terzi che potrebbe profilare i visitatori, e non incorporiamo alcun legame con i social network.

Utilizziamo un singolo cookie al solo scopo di non presentarti ogni volta l’informativa sull’uso dei cookie.

Argomento:     

23.01.2013 - Il tuo umore potrebbe dipendere dall'intestino e non dal cervello

ImmagineIl primo a parlare dell'esistenza di un cervello nella pancia è stato l'esperto di anatomia e biologia cellulare della Columbia University, Dr. Michael D. Gershon, nel 1998, anno in cui ha pubblicato il suo libro: “Il secondo cervello”.

“Sappiamo che, per quanto il concetto possa apparire inadeguato, il sistema gastroenterico è dotato di un cervello. Lo sgradevole intestino, è più intellettuale del cuore e potrebbe avere una capacità “emozionale” superiore. E' il solo organo a contenere un sistema nervoso intrinseco, in grado di mediare i riflessi in completa assenza di input dal cervello o dal midollo spinale” afferma Gershon.

Le trentennali ricerche di Gershon, hanno portato il mondo accademico a conoscenza dell'esistenza di una connessione strettissima tra intestino e cervello poiché, nell’intestino, si trova una rete nervosa molto complessa composta da oltre cento milioni di neuroni (sistema nervoso enterico) che gestiscono le attività intestinali e che si collegano al cervello tramite il sistema nervoso vegetativo. Inoltre, l'intestino produce il 95% della serotonina del nostro corpo, neurormone noto per garantire il buonumore ed il benessere dell'intero organismo.

A confermare e completare le ricerche di Gershon, il team di ricerca canadese della McMaster University, guidato dal Dr. Stephen Collins, nel 2011, ha pubblicato sulla rivista scientifica Gastroenterology i risultati di uno studio che dimostra l'influenza della flora batterica intestinale, più precisamente chiamata microbiota, sul chimismo cerebrale e sul comportamento. Nell'intestino di ogni persona vivono molte migliaia di miliardi di batteri che concorrono a svolgere diverse disparate funzioni essenziali per il mantenimento di uno stato di buona salute e dell'equilibrio dell'umore.

Neuroni e flora batterica intestinale, dunque, sono direttamente coinvolti nei meccanismi dell'ansia e della depressione, nei nostri comportamenti e nell'umore con cui affrontiamo la vita.

Il nostro secondo cervello decide i nostri stati d'animo, in base allo stato di salute del microbiota che, a sua volta, incide sull'attività del sistema nervoso enterico.

Questi studi hanno risvolti molto importanti sia perché spesso le malattie dell'intestino (come per esempio la sindrome dell'intestino irritabile) sono legate a stati ansiosi o depressivi, sia perché numerose malattie, finora ritenute neuropsichiatriche, potrebbero avere la loro genesi proprio nell'intestino.

Dott. Vincenzo Matera